Le erbe

Papavero ed Eschscholzia

Il Rosmarino

La leggenda vuole, che la principessa Leucotoe figlia del Re di Persia, che la teneva segregata nelle sue stanze, fu sedotta da Apollo, stregato da Venere per vendetta. Il quale entrò con l’inganno nelle sue stanze, dove diedero sfogo alla loro passione. Il re venne avvertito dalla ninfa gelosa Clizia, infuriato per la debolezza della figlia la fece seppellire viva. Apollo per onorarla deviò i raggi del sole sulla sua tomba e pian piano le spoglie della infelice fanciulla si trasformarono in una pianta dal profumo intenso, dalle foglioline sottili e dai fiori viola azzurri. Da questa leggenda i greci e i romani coltivarono il rosmarino come simbolo dell’immortalità e i rami venivano messi nelle mani dei defunti o bruciati come incenso

☕

Le proprietà di questa stupenda pianta sono molteplici Tramite decotto o tintura madre Aiuta la digestione, è antireumatica, aiuta la concentrazione e la memoria, disinfetta la pelle e la tonifica. Depura la cute e la rinforza. Aumenta la pressione. È buonissimo come condimento. Il rosmarino accresce la forza spirituale e contribuisce a mantenere l’integrità della propria più intima essenza quando si è sottoposti a situazioni di sollecitazione e ci si sente deboli

Il gemmoderivato di rosmarino estratto per macerazione glicerica dei giovani getti di questo magico arbusto da sempre simbolo di rinascita e vigore

PERCHE’ USARLO?

🌙ideale nelle diete, aiuta a perdere peso

🌙antiossidante

🌙svolge un’azione disintossicante e depurativa del fegato e della pelle

🌙abbassa il colesterolo “cattivo”

🌙contrasta la cellulite

🌙buon tonico🤗migliora il tono dell’umore

🌙elimina stanchezza e spossatezza

🌙riduce il gonfiore addominale

Il Biancospino

Il ramo di questo vetusto Biancospino, si allarga come a raggera dal tronco segnato da anni di intemperie, e svetta sulla stretta valle dove scivola vero il Dolo il fosso del Pero Misterioso. Nel corso dei tanti anni , le piccole birdule, cioè i rametti sui quali nascono i fiori, si sono tutti disposti verso l’alto formando una scultura vivente perfetta. Questo alberello meraviglioso Viene associato all’Amore puro che sboccia nell’unione degli opposti. Questa unione è compresa nell’albero stesso, nel quale si intrecciano armoniosamente sia il fuoco che l’acqua, sia la mascolinità che la femminilità, rappresentate dalle spine e dalla delicatezza inebriante dei fiori. Secondo gli antichi, il biancospino era sacro alla Grande Madre nel suo aspetto di Cacciatrice, libera, sensuale eppure spietata guerriera; una Dea che mantiene e difende l’equilibrio superiore delle cose naturali, l’Armonia non solamente fatta di luce ed ordine, ma anche di oscurità e mutamento. incarna quella immagini d’essenza più femminile, istintiva, intuitiva, puramente selvatica, e quindi apparentemente caotica, contrapposta a quella più razionalmente ordinata e maschile. Legata alle sfere sottili dell’Anima, un caos che potrebbe essere infinitamente armonico, estremamente equilibrato, perfetto..

il Biancospino che è anche la pianta del cuore per eccellenza ne fortifica e regola il funzionamento , rendendo oggi un momento proficuo al suo utilizzo si può usare come

infuso

tramite macerato idralcolico

o gemmoderivato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *